Emilio Zola – E. Francati

Povero Zola! Dopo avè’ commosso

Co’ tanti scritti tutto er monno sano,

E d’avè’ combattutto a più non posso

Cor un coraggio d’antico romano

Pe’ l’innocenza e pe’ la libbertà                                    5

Ce lassi sur più bello dell’età.

 

Ma er nome tuo nun more! Drent’ar core

A tutti ciài scórpito un tu’ pensiero,

Un’immaggine, un simbolo d’amore

O d’odio, un’impressione de quer vero                        10

Che, con un córpo solo de pennello

Ariuscivi a inchiodàcce ner cervello.

 

Povero Zola! Tu, come Cirano

Nun caschi su la breccia. La natura

Te córpisce improvisa, sottomano,                                    15

Guasi la morte ciavesse pavura;

Cavajere, scrittore, paladino

Mori… pe’ via der fumo d’un cammino!

Emilio Zola: sta in I, 40 – 3-4 Ottobre 1902. Tre sestine di endecasillabi, schema: ABABCC… Vs. 1 avè’ cfr. vs. 3, forse scelta dell’autore. Vs. 16 guasi viene da quasi, fenomeno fonetico caratteristico del centro Italia.

Pubblicato da

Valerio Cruciani

Valerio Cruciani lavora come docente di scuola secondaria e tutor di laboratori di scrittura creativa. Pratica l'otium in qualità di romanziere, sceneggiatore e poeta in italiano e in spagnolo.

Scrivi un commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...