Pe’ l’amore (B. Ribechi)

1894 -? Attore di varietà conosciuto in Italia e all’estero, collaborò anche a «Rugantino», «Il Messaggero», «Travaso» (il Possenti, op. cit. vol. I, p. 498, non dà notizia della sua collaborazione al «Marforio»). Nel 1905 fondò Er Circolo, periodico dialettale, e nel 1924 pubblicò la raccolta Paraponzi ponzi po’ presso gli Stab. Tip. Trajano (Veo, Poeti romaneschi, op. cit.).

  • Mamma, ciò un gran dolore drent’ar petto

Che me fa soffrì tanto. Che tormento!

’Sta tosse maledetta ’gni momento

Me fa diventà rosso er fazzoletto.

 

  • Zitto fijetto mio, zitto Giggetto,             5

Nun t’addolorà tanto, stà contento

Che presto finirà ’sto patimento.

Si, la Madonna bella me l’à detto.

 

  • Mamma, dite, che penserà, Lucia?

Se ne ricorderà mai più de me                                    10

Che moro lento lento d’etisia?

 

  • Chi, quell’infame boja? – Mamma mia

nun me la maledite, no, perchè

m’aggravereste troppo l’angonia!

 

II.

Mamma, io moro! fatelo pe’ Iddio

Dite a Lucia che in punto de la morte,

Benchè lei m’ha spezzato er core mio

puro l’ho benedetta mille vorte.

 

Diteje che ’na vorta puro io                                                5

Ero lo stesso a lei giovine e forte,

Ma er tradimento suo, a me poro fio,

M’ha ridotto ar crapiccio de la sorte.

 

Diteje inortre che de tanto in tanto

Se ricordi der povero Giggetto                                    10

Ie vada a accenne er lume ar Camposanto

 

E si se ne pentisse… Oh mamma, oh Dio

Nun posso… respirà… me schioppa er petto

Io moro… mamma bella… un bacio… addio!

 

III.

Comincia a fasse notte. Da lontano

Er sole manna l’urtimo chiarore

Come pe’ dà un saluto ar monno sano

Prima che pe’ quer giorno se ne more.

 

Su’ ’na finestra de ’n urtimo piano                                    5

’Na donna fissa er sole e ce discore,

Facennoje li segni co’ le mano

Come si lei ce stasse a fà l’amore.

 

Poi senza fà parola, tutt’un botto

Scavarca co’ svertezza er parapetto                                    10

De la finestra, e se butta de sotto.

 

Va a sbatte sur serciato e in fin de vita

Cià ancora forza a mormorà: Giggetto;

Puro pe’ mamma tua oggi è finita!

Pe’ l’amore: sta in II, 152 – 28 Ottobre 1903. Tre sonetti, schema: ABBA ABBA CDC CDC, ABAB ABAB CDC EFE e ABAB ABAB CDC EDE. Parte I, vs. 8 si anziché sì, forse refuso. Parte II, vs. 1 dialefe tra Mamma, io. Vs. 8 crapiccio metatesi di capriccio.

 

Annunci

Cuore strano (R. Mannoni)

Nato a Roma il 9 agosto 1883 e ivi morto nel 1942. Funzionario statale e pubblicista, aderì immediatamente al Movimento Futurista con lo pseudonimo di Libero Altomare. Nel 1908 fondò la rivista «Primo Vere», rivelando atteggiamenti crepuscolari e dannunziani filtrati dal linguaggio futurista (Francesco Grisi, a.c. di, I futuristi – I manifesti, la poesia, le parole in libertà, i disegni e le fotografie di un movimento «rivoluzionario», che fu l’unica avanguardia italiana della cultura europea, Grandi Tascabili Economici Newton, Roma 1994, p. 391).

Il mio cuore è un’antica pergamena

dimenticata, logora, ingiallita

ròsa da assiduo tarlo e raggrinzita

come la pelle d’una vecchia jena.

Ha miniature d’angeli e di donne                                    5

di demoni e di mostri, strani emblemi

misterïose cabale, poemi

e templi dalle fulgide colonne

e d’altre vaghe immagini è istoriata,

però lo scritto vi si legge appena:                                    10

Marcirà prima d’esser decifrata

questa lacera, vecchia pergamena.

Cuore strano: sta in II, 118 – 1 Luglio 1903. Tre quartine di endecasillabi a rima ABBA CDDC EAEA. Vs. 3 ròsa invece di rósa, forse refuso. Vs. 1-2, 11-12 enjambement.

Verità – A. Gioia

Alfredo Gioia. 1874-1933, idraulico, collaborò anche a «Er Conte Tacchia» e a «Rugantino» (il Possenti non dà invece notizia della sua collaborazione al «Marforio» (Possenti, op. cit. vol. I, p. 379).

È mezzo giorno, e giù pe’ porta Pia,

Giulio er facocchio e Nino er SAGRESTANO

stanno a litigà drento l’osteria

co’ tanto de cortello uperto in mano!

 

La gente aridunata pe’ la via                                                5

cerca ’na guardia, che starà lontano

senza caricatura un par de mija

Mentre que’ le du berve piano piano.

 

S’infocheno de più. «Si tu ci hai core

je dice Giulio, eh sorte viè’ de fora                                    10

invece de sta lì tanto a discore.»

 

E come du pantere inferocite

s’attaccano pe’ strada a cortellate

tra l’urli de le donne impaurite.

………………………………

………………………………

 

Er fatto, è fatto!… er corpo der facocchio

sta steso irrigidito sur serciato

er sangue score e forma un corpo d’occhio

che si lo guardi resti disgustato!…

 

Intanto le donnette fanno un crocchio                        5

ariccontanno er fatto com’è stato.

Du’ monichelle stanno li ’nginocchio

preganno per quer poro disgraziato.

 

………………………………..

………………………………..

 

Doppo un par d’ora un bravo delegato

Come un avutomobbile a benzina                                    10

viè lì corenno tutto trafetato,

 

E pe’ fa er bullo aresta un po’ de gente

trattandola da boja e d’assassina…

e mette drento chi nu’ ne sa gnente!…

Verità: sta in I, 4 – 30-31 Maggio 1902. Coppia di sonetti, schema: ABAB ABAB CDC EFE e ABAB ABAB CDC EDE. Parte I, vs. 1 mezzo giorno invece di mezzogiorno. Vs. 2 facocchio, carrozziere, fabbricante di carri (Vaccaro, Vocabolario belliano, op. cit.). Vs. 8 Mentre la maiuscola è probabilmente refuso, così come il punto in fine verso.

Emilio Zola – E. Francati

Povero Zola! Dopo avè’ commosso

Co’ tanti scritti tutto er monno sano,

E d’avè’ combattutto a più non posso

Cor un coraggio d’antico romano

Pe’ l’innocenza e pe’ la libbertà                                    5

Ce lassi sur più bello dell’età.

 

Ma er nome tuo nun more! Drent’ar core

A tutti ciài scórpito un tu’ pensiero,

Un’immaggine, un simbolo d’amore

O d’odio, un’impressione de quer vero                        10

Che, con un córpo solo de pennello

Ariuscivi a inchiodàcce ner cervello.

 

Povero Zola! Tu, come Cirano

Nun caschi su la breccia. La natura

Te córpisce improvisa, sottomano,                                    15

Guasi la morte ciavesse pavura;

Cavajere, scrittore, paladino

Mori… pe’ via der fumo d’un cammino!

Emilio Zola: sta in I, 40 – 3-4 Ottobre 1902. Tre sestine di endecasillabi, schema: ABABCC… Vs. 1 avè’ cfr. vs. 3, forse scelta dell’autore. Vs. 16 guasi viene da quasi, fenomeno fonetico caratteristico del centro Italia.

All’ospedale (C. Crescenzi)

I

  • «Er braccio po’ guarì!… ma la ferita

ar petto è fonna… e me fanto male!…

co’ tutto che me l’hanno ricucita,

me pare da sentimmece er pugnale.

 

Famme er piacere a Gi’, si vedi Ghita,                        5

nu’ j’annisconne gnente, e tal’e quale,

dije che sto in pericolo de vita:

j’ho da parlà, che vienghi all’ospedale!

 

Dije, ch’ersangue ’n testa in un momento

m’intesi aribollì!… che j’ho menato                        10

a quer bojaccia vile… e nu’ me pento

 

si pe’ difenne a lei so’ massacrato:

dije che venghi!… morirò contento

se prima de spirà lei m’ha baciato!»

 

II

  • «’Mbè nu’ me dichi gnente de Biacetto?

l’hai visto? come sta?… ma tira via

leveme da ’ste pene… che t’ha detto?…»

  • «Nun ce sta più speranza, Ghita mia,

 

pe’ la ferita grave che ciá ’n petto:                                    5

lui dice che sarà quer che sia,

ma te vo’ arivedè quer poveretto!…

te prega d’annà subbito in corsia»

………………………………………

  • «Guardeme!… parla!… dimme ’na parola

vedi che te sto accanto?… parla Biacio,                        10

qui c’è Ghituccia tua che te consola!…»

 

Er povero malato guardò fisso

l’innamorata sua, je dette ’n bacio

e poi spirò strignenno er crocifisso!

 

III

  • «Biacio!… Biacio!… Madonna me se more!

Biacetto mio risponni!… m’hai parlato?…

… pe’ carità sarvatelo dottore!…»

  • «Ma che je posso fa s’è già spirato!…»

 

– «No!… no!… no!… che je sbatte forte er core,                        5

… vedete che me guarda?!… m’ha baciato!…

la fronte è fredda!… gronna de sudore!…

… è finito!… me l’hanno assassinato!…»

 

Coll’occhi sopra ar morto stette muta,

rimase còrca addosso ar letticciolo                                                10

poi scivolò per tera!… era svenuta!

 

Verso sera, coperto c’un lenzolo,

Biacetto stava lungo ’nde la bara,

e Ghita, pòra Ghita!… a la Longara!…

 

                                    Fiore de spino

Si nun sia mai me venghi fra le mano,

Ce vojo fa la zuppa drento ar vino!

 

                                    Fioretto raro

Tu mi hai mannato in celo er mi tesoro                                    5

Io te manno all’Inferno paro, paro!

 

                                    Fior d’ogni fiore

Me vojo fa passà ’ste pene amare

Si t’arivo a caccià de fori er core!

 

                                    Fior de granato,                                    10

E quanno ’sto lavoro avrò finito

Io volerò da te, Biacio adorato!…

 

                                    Fior de gaggia

Te manna mille baci Ghita tua!…

M’ariccommanno a voi, Madonna mia!                                    15

 

IV

Co’ ’na vocetta chiara e co’ passione,

Ghituccia aripeteva ’sti stornelli,

mentre che je brillava un lagrimone

su quell’occhi turchini, tanto belli!…

 

Doppo detta ’gni giorno l’orazione,                                    5

cantanno e ricantanno sempre quelli,

s’annava a mette a sede in un cantone,

coprennose de rose li capelli.

 

Guardava in mezzo ar celo l’ore e l’ore,

e cantanno, baciava n’abitino                                                10

che teneva anniscosto accanto ar core.

 

Poi come avesse visto er pòro Biacio,

stava alegra, e facenno un bell’inchino,

j’offriva ’n fiore e je tirava ’n bacio!

All’ospedale: sta in I, 19 – 22-23 Luglio 1902. Quattro sonetti e una serie di stornelli. Parte I, schema ABAB ABAB CDC DCD; vs. 5 Ghita, dimin. di Margerita (Chiappini, op, cit.). Vs. 8 vienghi cfr. venghi al vs. 13. Vs. 9 ersangue probabile refuso per er sangue. Vs. 10 aribollì probabile refuso per aribbollì. Parte II, schema: ABAB ABAB CDC EDE; vs. 5 ciá probabile refuso per cià. Vs. 6 ipometro, a meno che non leggiamo lui con dieresi. Parte III, schema: ABAB ABAB CDC DEE; Vs. 4 fa anziché fà. Vs. 14 Longara, vicino al carcere di Regina Coeli, sulla via della Lungara, c’era un manicomio chiamato di S. Maria della Pietà, detto anche dei pazzarelli. Chi vi portasse una persona per il ricovero, riceveva in regalo cento uova fresche (Delli, op. cit., pp. 543-544). Parte IV, gli stornelli hanno il tradizionale schema AbA, con assonanza al vs. 2 e rima tra 1 e 3: sono composti di tre versi, dei quali il primo è un quinario e gli altri due endecasillabi. Vs. 5 mi anziché m’ e mi anziché mi’. Parte IV, schema: ABAB ABAB CDC EDE.

Rime dell’ultima delusione (S. Corazzini)

Dolce l’autunno! tanto

che pensammo il ritorno

del più soave giorno

d’aprile! Oh quale ïncanto

 

diffuse primavera

oltre i tiepidi orti

che la chiudon? ne porti,

Autunno, la leggiera

 

anima, nel tuo cuore

vecchio? C’è qualche cosa

di lei che l’angosciosa

morte con te oggi muore.

 

Non la tenne un’acuta

nostalgia di fiorire,

una voglia di aprire

le porte di ogni muta

 

villa. i cancelli di ogni

giardino ormai diserto,

e dopo avere aperto

tutto, ridere in ogni

 

angolo il fresco riso

della sua giovinezza,

godere la tristezza

del vecchio inverno irriso?

 

Anima folle! Stanco

il dolce Autunno cede

e l’occhio tuo non vede

un lenzuolo bianco,

 

immenso come il cielo,

che si stende, si stende

non senti in cuore scendere

quasi mortale un gelo?

 

Come tenne l’inganno

le nostre anime forte!

Sognavano, alla morte,

il principio dell’anno.

Rime dell’ultima delusione: sta in III, 269 – 10 Dicembre 1904. Lo Jacomuzzi (op. cit., pag. 254) ci informa che una diversa redazione di questa poesia venne pubblicata anche il 26 Novembre 1904 col titolo Rime dell’inverno sul “Gran mondo”. La poesia è firmata Collenuccio.

Tristitia (A. Casali)

Come un sogno dorato che svanisce

E’ passata la bella gioventù:

E’ annata via pe’ nun tornà mai più:

Tutto passa quiggiù, tutto finisce!

 

Povera gioventù senza soriso,                                    5

Senza ’na gioia, senza ’na carezza,

Tu sei passata, piena de tristezza,

Pe’ scoprimme er dolore sopra ar viso!

 

Sei passata, così, come la morte,

E hai lassato, pe’ sempre drento ar core                        10

E’ ricordo lontano d’un amore

Ch’ho maledetto tante e tante vorte!

 

Povero core, dì, perchè hai sognato

Du’ occhi neri, pieni de finezze?

Dimme: perchè hai sognato ‘ste dorcezze?                        15

Pe’ rimane pe’ sempre addolorato?

 

Hai sognato l’amore immacolato

D’un’anima subrime, affezionata;

Hai sognato ‘na vita innammorata:

Ma… solo er sogno è quello ch’hai provato.                        20

 

Ecco: io, vedo, lassù, un velo nero,

Un velo fitto de malinconia:

Lá, c’è e’ riflesso de la vita mia,

Là cor dolore c’è ’n’antro pensiero!

 

La fontanella, giù, ner giardinetto.                                    25

Cor su’ rumore uguale a ’na carezza,

Pare che m’aricconti la dorcezza

D’una storia d’amore. ’N’arberetto

 

Senza le foje, secco, intisichito,

Pare morto de noja e de stracchezza,                                    30

Quanta malinconia, quanta tristezza:

Tutto è pianto qui giù, tutto è finito!

 

Er monno pare morto immezzo ar gelo,

Su la campagna regna lo squallore!

So’ morte lefarfalle; nun c’è un fiore;                        35

Er sole più nu’ sprenne, su, ner celo!

 

Povere pianticelle inseccolite,

Povere rose, povere viole,

Senza er bacio dorato d’un ber sole

Voi piegate la testa e ve morite!                                    40

 

Così la vita mia, ’sta pôra vita.

Senza er soriso della donna amata,

Se spezza, come voi. abbandonata,

Senza arcuna speranza ne la vita!

 

Un ucelletto, tutto infreddolito,                                    45

Se posa sopra a la finestra mia,

E, cor su canto, ch’è ’na melodia,

Pare che dica: «Quanto sei avvelito!

 

Perchè tutta ’sta gran malinconia?

Perchè tutto ’sto pianto e ’sto dolore?»                        50

Io j’arisponno cor veleno ar core:

«Piagno la gioventù ch’è annata via!»

Tristitia: sta in III, 179 – 30 Gennaio 1904. Tredici quartine di endecasillabi, schema: ABBA… Vs. 4 quiggiù cfr. vs. 32 qui giù. Vs. 13 e 15 sinalefe dopo perchè. Vs. 14 dialefe in du’ occhi. Vs. 21 la virgola dopo io è forse refuso; dialefe dopo ecco. Vs. 23 probabile refuso. Vs. 25 il punto è forse refuso per una virgola. Vs. 35 lefarfalle probabile refuso. Vs. 38 viole trisillabo. Vs. 41 il punto è probabilmente un refuso così come al vs. 43.