Dramma (Istantanea) – E. Francati

1866-1933, scrisse anche con lo pseudonimo di Fra Tinca. Esordì collaborando al «Rugantino» dal 1884 al 1889. Fondò il «Mannaggia la Rocca» e «Marchese del Grillo» insieme a Trilussa. Nel 1888 pubblicò Er 30 aprile, presso Verdesi; nel 1889 L’arivoluzzione a Roma da Cerroni e Solaro, ottenendo dopo dieci anni una ristampa da Perino. Nel 1894 fondò «Orazio Coccola» con Nino Ilari e Aldo Chierici; nel 1901 l’editore Casali gli affidò la direzione del «Trasteverino»; nel 1902 fondò il «Marforio», scrivendo moltissimi sonetti e disegnando diversi bozzetti umoristici. Nel 1921 si trasferì a Tivoli, facendo perdere le proprie tracce (Possenti, op. cit. p. 350 vol. I).

I

Da CASTELLO se sente mezzanotte.

E tona e piove. VIA DE LA LONGARA

Immezzo ar nero pisto de la notte

È diventata tutta ’na pianara.

 

Da li canali, da le grònne rotte,                                    5

L’acqua dà fora, schiuma, fa cagnara

E, avanti ar chiavicone che l’ignotte,

Subùlle come drento ’na callara.

 

Nun passa anima viva. A tratti a tratti

Da le finestre de la PALAZZINA                                    10

Se senteno li strilli de li matti.

 

E tona e piove. Un cane da pajaro

Co’r’una fame propio sopraffina

Rosica l’ossa immezzo a u’ monnezzaro.

 

II

All’ARCO DE SAN SPIRITO, lì accanto

All’artarino de la madonnella,

Piagne una donna. Se confònne er pianto

Co’ li lamenti de ’na craturella.

 

È una storia d’amore. Scoppia intanto                        5

U’ lampo e l’arischiara. Ancora è bella,

giovane, è moretta… ha amato tanto!…

Se sente er sóno de ’na campanella,

 

S’opre ’na porta… un’ strillo de cratura

E poi più gnente! È la fine der dramma.                        10

E tona e piove. Pe’ la strada scura

 

Passa curènno l’ombra de ’na donna:

Er vento fischia. Se smorza la fiamma

Der lampenino avanti a la Madonna.

Dramma: sta in I, 4 – 30-31 Maggio 1902. Coppia di sonetti, schema: ABAB ABAB CDC EDE . Parte I, vs. 1 castello, Castel S. Angelo. Vs. 4 pianara, un rivo d’acqua piovana (Chiappini, op. cit.). Vs. 7 chiavicone, fogna. Vs. 8 subùlle, ribolle come in un pentolone. Vs. 10 palazzina, si riferisce al manicomio di S. Maria della Pietà che stava in via della Lungara. Vs. 12 cane da pajaro, che fa la guardia a un pagliaio. vs. 13 co’r’una invece di cor una. Parte II, vs. 7 dialefe tra giovane, è oppure tra moretta… ha. Vs. 14 lampenino, piccola lampada votiva (Chiappini, op. cit.).

Cambianno cammeriera (S. Culasso)

Conosco solo le date di nascita e di morte: 1881-1915 (Possenti, op. cit. vol. I p. 97).

I.

 

Dunque, stamme a sentì che in un momento

Te faccio la consegna der servizio:

Prima de tutto qui ce vô giudizio

E ’na presetta puro de talento.

 

Ce sta ’r padrone, un vecchio un po’ scontento,                        5

Ch’à perso er pelo… ma cià ancora er vizio

De fa li giôchi… e vô stà in esercizio…

Cusì tu chiude ’n occhio… e lui è contento.

 

Pe’ gnente, già se sa, nun se fà gnente

E tu nun dubbità che ’sto padrone                                                10

Pe’ ’sti servizi è assai riconoscente.

 

E co’ tutto che lui ce faccia er tosto

A dillo in confidenza, ’sto babbione,

E’ tutto quanto fume e gnente aròsto!

 

II.

 

In quanto ar signorino, ch’è ufficiale

E mò tra giorni passerà tenente,

E’ bono, nun s’impiccia mai de gnente

E come lui nun ce n’è ’n antro eguale.

 

Certo mica è stàtuva de sale…                                                5

E si me vede sola certamente

M’ammolla quarche bacio… io, veramente,

Lo lasso fà, tanto che c‘è de male.

 

 

Da quanno che l’amante sta a Milano

Lui smagna, fa pijà ’r dolor de panza,                                    10

Tiè sempre er campanello fra le mano.

 

Sòna… poi manco lui lo sa ’r perchè:

Er giorno chiama sempre l’ordinanza

Mentre la notte sòna sempre a me!

 

III.

 

Ah, nun parlamo poi de la signora,

Chè quella è propio bòna, bòna assai,

Lei nun se sente, nun se vede mai,

Viva la faccia sua, perdinanora.

 

Tra giorni pare che se ne va fòra,                                                5

Va da l’amico suo chè, capirai,

Adesso a Roma vive tra li guai

Sola, senza de lui e ce s’accòra.

 

Ma stanno sempre in gran corisponnenza…

E de le lettre io so’ incaricata,                                                10

Sarò porta-pollastri… mbè, pazienza.

 

Questo è ’n servizio fòr de l’ordinario

Cusì quanno me paga la mesata

Je metto in conto lo strasordinario!

 

IV.

 

Mò lei s’è messa drento un Comitato

D’òmmeni a scopo de beneficenza:

E tutto er giorno lei ce l’à occupato

A lègge e scrive la corisponnenza.

 

E, capirai, ne viè de conseguenza                                                5

(P’er gran lavoro che mò cià addietrato)

Ch’à messo un giorno fisso destinato

A riceve chè nun pô fanne senza.

 

E dalle tre sino all’avemmaria

Der martedi, si lei nun è indisposta,                                                10

Riceve solo l’aristocrazia.

 

Mentre der Comitato suo d’onore

(M’à dato ’sta consegna propio apposta)

Li membri l’ariceve a tutte l’ore!

 

V

Drento ’sta casa ognuno cià un partito,

Ognuno qui sprofessa un ideale:

Presempio la signora è libberale

E vô la libbertà… sinnò è fenito.

 

Cusì nun va d’accordo cor marito,                                                5

Er quale invece è tutto crelicale,

Nun pò sentì parlà der Quirinale

E guai a ricordajelo ’sto sito.

 

Er signorino, invece, è rëalista,

Er côco – dice lui – è ‘ntransiggente,                                    10

Mente ch’er cammeriere è socialista.

 

Cusì pe’ fa contenti ’sti signori,

Ch’ognuno cià ’na tinta diferente,

Io n’ho fatte de tutti li colori!

 

VI

La paga è poca: trenta lire ar mese,

Ma si una se sa bene ariggiràsse

C’è sempre la magnera d’aranciasse

Facenno un po’ de gresta su le spese.

 

Eppoi bisogna sempre fà l’ingrese                                                5

E sapè puro bene aripassasse

Padroni, padroncini e pe’ spicciasse

Mannàli tutti quanti a quer paese.

 

Bisogna sarvà sempre capra e càvoli,

E dì de o de no come fa giòco,                                                10

Contenta tutti… sempre pe’ li pàvoli.

 

Tu tiètte ’sti consiji bene a mente,

Poi lassa annà li scrupoli e co’ poco

Tu te farai la dòte onestamente!

Cambianno cammeriera: sta in I, 24 – 8-9 Agosto 1902. Sei sonetti, schema: ABBA ABBA CDC EDE. Parte I,vs. 3 indica sia apocope sia monottongamento del dittongo uo (cfr. Parte I, vs. 7, Parte IV, vs. 8). Vs. 7 giôchi probabile refuso per giochi.

Parte II, vs. 5 dialefe tra mica è. Parte III, vs. 10 dialefe tra lettre io. Lettre, forma sincopata derivata dal francese, diffusa già nel Petrarca. Parte IV, vs. 9 avemmaria, preghiera che le donne recitavano la sera. Parte V, vs. 2 ideale quadrisillabo. Vs. 4 fenito anziché finito, anafonesi della protonica frequente nel romanesco e in altri dialetti del centro. Vs. 6 crelicale anziché clericale, metatesi caratteristica del dialetto romanesco. Vs. 8 dialefe tra guai a. vs. 11 il paolo è una antica moneta della Roma papalina, chiamata così dal volto di S. Paolo che recava su uno dei lati. Aveva il valore di cinque baiocchi (Chiappini, op. cit.).

Er vino tascabbile (M. D’Antoni)

1876-1927, droghiere, collaborò anche a «Er Gattello», «Er Conte Tacchia», «Rugantino». Nel 1905 pubblicò una raccolta di sonetti presso la Tipografia Aureliana, e nel 1923 pubblicò la raccolta La pupa, presso la Tipografia Pinci e Brocato (Possenti, op. cit. vol. II p.659). Il Veo (Poeti romaneschi, op. cit.) ci dice inoltre che spesso si firmava con lo pseudonimo di Er drojere e così firmò una Raccolta di 50 sonetti satirici e umoristici in dialetto romanesco pubblicata nel 1905 presso la Tip. Aureliana.

Chi legge dice: E’ matto ’st’accidente

o s’è scolato già quarche fojetta?

Er vino senza quarche recipiente

nun te ce stà, ce vo’ la su’ boccetta.

 

Eppuro un benzinaro, assai valente,                        5

ha ritrovato mo’ ’na macchinetta

che co’ un calore forte, assai bullente

trasforma er vino in una tavoletta.

 

Un bevitore ne pia un pezzettino.

lo squaja dentro l’acqua, lo smucina,                        10

lo beve e s’imbriaca co’ quer vino.

 

Dicheno che nu’ noce quela sborgna,

a petto a ’st’inventore de benzina

Marconi è diventato ’na carogna!

Er vino tascabbile:sta in III, 174 – 13 Gennaio 1904. Sonetto, schema: ABAB ABAB CDC EDE. Vs. 9 il punto è probabilmente un refuso.

All’ospedale (C. Crescenzi)

I

  • «Er braccio po’ guarì!… ma la ferita

ar petto è fonna… e me fanto male!…

co’ tutto che me l’hanno ricucita,

me pare da sentimmece er pugnale.

 

Famme er piacere a Gi’, si vedi Ghita,                        5

nu’ j’annisconne gnente, e tal’e quale,

dije che sto in pericolo de vita:

j’ho da parlà, che vienghi all’ospedale!

 

Dije, ch’ersangue ’n testa in un momento

m’intesi aribollì!… che j’ho menato                        10

a quer bojaccia vile… e nu’ me pento

 

si pe’ difenne a lei so’ massacrato:

dije che venghi!… morirò contento

se prima de spirà lei m’ha baciato!»

 

II

  • «’Mbè nu’ me dichi gnente de Biacetto?

l’hai visto? come sta?… ma tira via

leveme da ’ste pene… che t’ha detto?…»

  • «Nun ce sta più speranza, Ghita mia,

 

pe’ la ferita grave che ciá ’n petto:                                    5

lui dice che sarà quer che sia,

ma te vo’ arivedè quer poveretto!…

te prega d’annà subbito in corsia»

………………………………………

  • «Guardeme!… parla!… dimme ’na parola

vedi che te sto accanto?… parla Biacio,                        10

qui c’è Ghituccia tua che te consola!…»

 

Er povero malato guardò fisso

l’innamorata sua, je dette ’n bacio

e poi spirò strignenno er crocifisso!

 

III

  • «Biacio!… Biacio!… Madonna me se more!

Biacetto mio risponni!… m’hai parlato?…

… pe’ carità sarvatelo dottore!…»

  • «Ma che je posso fa s’è già spirato!…»

 

– «No!… no!… no!… che je sbatte forte er core,                        5

… vedete che me guarda?!… m’ha baciato!…

la fronte è fredda!… gronna de sudore!…

… è finito!… me l’hanno assassinato!…»

 

Coll’occhi sopra ar morto stette muta,

rimase còrca addosso ar letticciolo                                                10

poi scivolò per tera!… era svenuta!

 

Verso sera, coperto c’un lenzolo,

Biacetto stava lungo ’nde la bara,

e Ghita, pòra Ghita!… a la Longara!…

 

                                    Fiore de spino

Si nun sia mai me venghi fra le mano,

Ce vojo fa la zuppa drento ar vino!

 

                                    Fioretto raro

Tu mi hai mannato in celo er mi tesoro                                    5

Io te manno all’Inferno paro, paro!

 

                                    Fior d’ogni fiore

Me vojo fa passà ’ste pene amare

Si t’arivo a caccià de fori er core!

 

                                    Fior de granato,                                    10

E quanno ’sto lavoro avrò finito

Io volerò da te, Biacio adorato!…

 

                                    Fior de gaggia

Te manna mille baci Ghita tua!…

M’ariccommanno a voi, Madonna mia!                                    15

 

IV

Co’ ’na vocetta chiara e co’ passione,

Ghituccia aripeteva ’sti stornelli,

mentre che je brillava un lagrimone

su quell’occhi turchini, tanto belli!…

 

Doppo detta ’gni giorno l’orazione,                                    5

cantanno e ricantanno sempre quelli,

s’annava a mette a sede in un cantone,

coprennose de rose li capelli.

 

Guardava in mezzo ar celo l’ore e l’ore,

e cantanno, baciava n’abitino                                                10

che teneva anniscosto accanto ar core.

 

Poi come avesse visto er pòro Biacio,

stava alegra, e facenno un bell’inchino,

j’offriva ’n fiore e je tirava ’n bacio!

All’ospedale: sta in I, 19 – 22-23 Luglio 1902. Quattro sonetti e una serie di stornelli. Parte I, schema ABAB ABAB CDC DCD; vs. 5 Ghita, dimin. di Margerita (Chiappini, op, cit.). Vs. 8 vienghi cfr. venghi al vs. 13. Vs. 9 ersangue probabile refuso per er sangue. Vs. 10 aribollì probabile refuso per aribbollì. Parte II, schema: ABAB ABAB CDC EDE; vs. 5 ciá probabile refuso per cià. Vs. 6 ipometro, a meno che non leggiamo lui con dieresi. Parte III, schema: ABAB ABAB CDC DEE; Vs. 4 fa anziché fà. Vs. 14 Longara, vicino al carcere di Regina Coeli, sulla via della Lungara, c’era un manicomio chiamato di S. Maria della Pietà, detto anche dei pazzarelli. Chi vi portasse una persona per il ricovero, riceveva in regalo cento uova fresche (Delli, op. cit., pp. 543-544). Parte IV, gli stornelli hanno il tradizionale schema AbA, con assonanza al vs. 2 e rima tra 1 e 3: sono composti di tre versi, dei quali il primo è un quinario e gli altri due endecasillabi. Vs. 5 mi anziché m’ e mi anziché mi’. Parte IV, schema: ABAB ABAB CDC EDE.

La prima poesia (C. Crescenzi)

1867-1916, impiegato, particolarmente affezionato a temi semplici, quasi patetici, collaborò anche al «Rugantino» e pubblicò alcuni volumi: Parole der côre (1899), Un po’ de sentimento (1901), Sonetti romaneschi (1904) (Possenti, op. cit. vol. I, p. 311).

I

Annavo sempre a vede ’n ber visetto

P’ispiramme, pe’ scrive quarche cosa:

ma appena cominciavo a fa ’n sonetto

lo dovevo strappà: robba nojosa.

 

L’occhi neri, li denti, er sorisetto,                        5

trecce d’oro, labbrucce color rosa,

nun me daveno mai nessun soggetto

pe’ fa ’na strofa nova un po’ graziosa.

 

Ma ’n giorno mentre stavo all’osteria,

mezzo sbronzato a fa ’na passatella,                        10

ecchete ch’entra drento mamma mia.

 

Me se mise vicino e quieta quieta,

colle lagrime all’occhi, poverella,

me guardò fissa… e diventai poeta!

 

II

Je feci un ber sonetto in un momento

co’ tutto er core mio, co’ la passione

e quanno je lo lessi m’arimento,

me dette p’arigalo un ber bacione.

 

Je scrissi che mutavo sentimento                        5

pe’ formamme ’na bona posizione,

ch’a forza de lavoro e de talento

J’avrei dato ’na gran consolazione.

 

E ’nfatti, grazie a Dio, accusì è stato:

do ’n’ajuto a la mejo a mamma mia.                        10

e godo si pe’ lei ho faticato.

 

E mo, dopo un boccone, certe sere,

che je dico la prima poesia,

la pòra vecchia piagne dar piacere!

La prima poesia: sta in I, 3 – 27-28 Maggio 1902. La poesia è preceduta da una piccola nota redazionale: “Con questo numero entra a far parte dei collaboratori il bravo e gentile poeta Cesare Crescenzi. I lettori ci saranno grati di tale acquisto poiché il Crescenzi è uno pei [sic] più forti poeti romaneschi di stile sentimentale e patetico.” Si tratta di due sonetti, schema: ABAB ABAB CDC EDE. Parte I, vs. 3 fa anziché fà, forse abitudine del poeta (cfr. vs. 10). Vs. 10 passatella, gioco da osteria, consiste nel far girare dei bicchieri di vino tra i giocatori a seconda del volere di chi guida il gioco (Vaccaro, Vocabolario belliano, op. cit.). Vs. 14 poeta trisillabo. Parte II, vs. 3 m’arimento per sintesi tra me rammento, mi rammento, mi ricordo. Vs. 9 Dio bisillabo. Vs. 12 mo anziché mò.

Sonetto bernesco (P. Corona)

Cupido, un giorno, mentre nel turcasso

I strali riponea con faccia lieta,

Mirò la Terra; e scorsevi un poëta,

Che parlava di lui con gran fracasso.

Affè! diss’egli: ch’io resti di sasso,                                    5

Se questo ciarlatan vale un Fileta

Oppure è molto tempo che, stà a dieta,

Ve’ come è magro, egli è un poeta a spasso.

Non è già un Dante, un Arïosto, un Tasso

Un Parini, un Gian-barbo Passeroni,                        10

Che non saria si magro, ma più grasso.

Or tutti delle rime fanno ammasso;

Mi decantano pur gl’ingnorantoni,

Ma non curo di lor, io guardo, e passo.

E se ir potessi abbasso            15

Assesterei a lui, la rima, e il metro,

Un calcio badiale nel di dietro.

Sonetto bernesco: sta in I, 8 – 13-14 Giugno 1902. Sonetto caudato, schema: ABBA ABBA BCB BCB BDD. Francesco Berni (1497 o 1498-1535) fu poeta parodista famoso soprattutto per il rifacimento dell’Orlando innamorato di Boiardo e per le raccolte di Rime e Capitoli. Vs. 6 Fileta c’è una nota dell’autore: ”Fileta Poeta elego, famoso, nominato dall’Alemanni.” Si tratta di Fileta o Filita di Cos, III sec. a. C. Vs. 7 la virgola prima di sta è probabile refuso.Vs. 8 la dieresi su poeta non è specificata, per cui possiamo leggere il verso in due modi: o con dialefe tra magro, egli; oppure con sinalefe e dieresi su poeta. La pausa dopo magro è molto forte, per cui farei prevalere la prima lettura. Vs. 10 il vero nome è Gian Carlo Passeroni (1713-1803), poeta dell’Illuminismo italiano, che si dedicò alla stesura di un poema lunghissimo, il Cicerone. Potrebbe trattarsi di refuso. Vs. 13 ingnorantoni probabile refuso per ignorantoni. Vs. 15 settenario, secondo emistichio di un endecasillabo a cui manca il quinario. Vs. 16 dialefe tra assesterei a o tra rima, e oppure assesterei dieretico. Vs. 17 badiale quadrisillabo.

Er tipaccio (P. Corona)

So nato propio pe’ la Lungaretta,

Er corzo de Trestevere, paranza,

E vojo mantenè sempre l’usanza,

De portà su ’na spalla la giacchetta.

Vojo portà la fascia, la bombetta                                    5

A la bulla, nun cerco l’eliganza,

Porto er tajno, e a chi nun m’arispetta,

Sgaro li fonnamenti de la panza.

E m’hanno da sgamà cor cannocchiale,

Perché ’ndo passo io trema la tera,                                    10

E ’gni bullo pe ’fugge mette l’ale.

Io so’ cattivo, mèno, so’ tipaccio,

T’abbasti a dì che ’nfò zarà ’na sera,

Che nun vadi a dormì sur tavolaccio.

La storia sacra (V. Cecchetti)

Ieri tra certi libri de mi’ nonno

Che staveno in suffitta in un cantone

Azzecca un po’ si che trovai? U’ librone

Scritto sopra l’uriggine der monno.

L’avevi da vedè! c’era da legge                                    5

Tutta la Bibbia de l’antica legge.

 

Quer libbro te potrebbe uprì la mente,

Lì, parla de li beni e de li mali,

Parla der monno e tutti l’animali;

Parla d’Adamo e d’Iddio ‘nnipotente…                        10

Insomma si lo leggi Toto mio,

Te viè da piagne te lo dico io.

 

Si tu lo guardi bene dar cumincio,

Da quanno venne Adamo su la tera,

Vedrai che dar principio ar sicutera                                    15

L’omo vò camminà sempre pe’ sguincio:

Cusì si mò nojantri tribbolamo.

Cià che fa quer ber mobbile d’Adamo!

 

  • Dì un po’, ma quanno Adamo venne qui

C’era tutta ’sta fame co’ ’ste tasse?                                    20

  • De che? ma allora c’era da sfamasse

Pe’ tutti quanti, si la vôi capì.

  • Com’è che allora se campavà bene

E mo se sta tramezzo a tante pene?

 

  • Guarda discorsi, allora in de ’sto monno       25

Ereno tutti quanti signoroni,

Poteveno girallo largo e tonno

Senza tante rotture de minchioni,

E senza velocimice, nè tramme

Viaggiaveno gni sempre co’ le gamme.                        30

 

  • Doppo je venne a stufa er brodo grasso;

Eva co’ Adamo nu’ fu più fedele,

Adamo cominciò cor fà er gradasso;

Caino per invidia ammazzò Abele;

Cusì tra l’uno e l’antro tira e molla,                                    35

Feceno un fregandò co’ la cipolla!

 

Si nu’ n’era pe’ Adamo, quer majale,

E Eva porca nu’ se confonneva,

Er monno nu’ vieniva tanto male:

La donna nu’ sarebbe uguale a Eva,                                    40

E l’omo che se crede tanto astuto,

Nu’ farebbe la parte der… pennuto!

 

Cusì crescenno vizio sopra a vizio,

L’omo è vienuto senza correzzione;

Er monno annava tutto a pricipizio,                                    45

Senza rispetto e senza educazione:

Faceveno famija tra de loro,

Senza vergogna e senza avè decoro.

 

Cor tempo a quarchiduno più educato,

J’arincresceva questa zinfunia                                    50

De sta a mischià la carne e er parentato;

E feceno: che d’è ’sta porcheria?

Cusì da quer momento que’ la gente

Preseno chi a levante e chi a ponente.

 

Chi annette ne là Spagna, chi in Crimea,                        55

Chi annette in Francia, chi ner Portogallo,

Chi vorse restà lì ne’ la giudea;

Uno cercava er freddo e l’antro er callo,

Chi annette ne la Cina, e chi ar Giappone

E chi venne qui sotto ar Cuppolone.                                    60

 

Quelli più dritti feceno er guverno;

De botto venne appresso er Sacerdote,

Che s’inventò le pene de l’inferno

E un sacco de buatte e de carote.

Cusì le gente furno un po’ più quiete                                    65

Avenno er freno der Guverno e er Prete.

 

Fu allora che cacciorno le gabbelle

Pe’ pagà li ministri e l’impiegati,

Tasse sù li cavalli e carettelle,

Tasse su li palazzi e fabbricati,                                     70

Insomma ogni guverno pe’ ingrassasse

Daje giù pe crillaccia a mette tasse.

La storia sacra: poemetto pubblicato a puntate, la prima parte (vs. 1-72) sta in I, 4 – 30-31 Maggio 1902. Sestine di endecasillabi rimati secondo lo schema ABBACC. La traspozione in dialetto della storia biblica è stata tentata anche da Giggi Zanazzo, ora in Poesie romanesche, a.c. di Giovanni Orioli, Avanzini e Torraca editori, Roma 1968, vol. 1, pp. 155-180 (Vecchio Testamento) e pp. 181-193 (Nuovo Testamento) in sonetti, tranne una parte in sestine. Per non parlare della Bibbia del Belli. Vs. 5-6 rima equivoca. Vs. 11 Toto sta per Antonio o Teodoro (Chiappini, op. cit.). Vs. 15 sicutera il Chiappini (op. cit.) spiega: “Essere, Tornare al sicutera. Si dice in proverbio: Sicutera tinprincipio nunche e ppeggio.” Il Vaccaro (Vocabolario belliano, op. cit.) traduce la locuzione nel significato di “non c’è nulla da fare” e spiega che viene dal lat. sicut erat in principio. Vs. 18 mobbile sta per “Soggetto” nell’accezione spregiativa (Vaccaro, Vocabolario belliano, op. cit.). Vs. 23 campavà probabile refuso per campava. Vs. 25 guarda discorsi come a dire lascia stare tanti discorsi, fidati di me. Vs. 29 velocimice sta per “velocipede”, ossia la bicicletta. Vs. 31 il trattino è un probabile refuso dato che il parlante è sempre il medesimo. Vs. 34 Caino trisillabo. Vs. 36 fregandò “Miscuglio di varie vivande cotte insieme nella padella o nel tegame. Franc. Fricandeau. Si usa anche in senso metaforico.” (Chiappini, op. cit.). Vs. 38 dialefe tra E Eva. Vs. 40 dialefe tra a Eva. Vs. 46 educazione forse refuso per educazzione che farebbe rima perfetta con il vs. 44. Vs. 55 probabile refuso per la. Vs. 57 giudea in minuscolo probabile refuso. Vs. 61 guverno in minuscolo probabile refuso, a giudicare dalla grafia dei versi successivi, così come al vs. 71. Vs. 64 buatte trisillabo, buatta viene dal fran. Boîte. Letteralmente vuol dire “cassetta di latta” ma ha assunto il valore metaforico di “fandonia” (Chiappini, op. cit.). Carota viene dal greco karoton e quindi dal latino carota e vuol dire “menzogna, fandonia.” Si hanno testimonianze anche in lingua (Aretino, Ragionamenti, II, 3), oltre che nei sonetti del Belli (646, 1282, 2139) (Vaccaro, Vocabolario belliano, op. cit.). Vs. 69 probabile refuso per su.

Rime dell’ultima delusione (S. Corazzini)

Dolce l’autunno! tanto

che pensammo il ritorno

del più soave giorno

d’aprile! Oh quale ïncanto

 

diffuse primavera

oltre i tiepidi orti

che la chiudon? ne porti,

Autunno, la leggiera

 

anima, nel tuo cuore

vecchio? C’è qualche cosa

di lei che l’angosciosa

morte con te oggi muore.

 

Non la tenne un’acuta

nostalgia di fiorire,

una voglia di aprire

le porte di ogni muta

 

villa. i cancelli di ogni

giardino ormai diserto,

e dopo avere aperto

tutto, ridere in ogni

 

angolo il fresco riso

della sua giovinezza,

godere la tristezza

del vecchio inverno irriso?

 

Anima folle! Stanco

il dolce Autunno cede

e l’occhio tuo non vede

un lenzuolo bianco,

 

immenso come il cielo,

che si stende, si stende

non senti in cuore scendere

quasi mortale un gelo?

 

Come tenne l’inganno

le nostre anime forte!

Sognavano, alla morte,

il principio dell’anno.

Rime dell’ultima delusione: sta in III, 269 – 10 Dicembre 1904. Lo Jacomuzzi (op. cit., pag. 254) ci informa che una diversa redazione di questa poesia venne pubblicata anche il 26 Novembre 1904 col titolo Rime dell’inverno sul “Gran mondo”. La poesia è firmata Collenuccio.

Spleen (S. Corazzini)

Che cosa mi canterai tu

questa sera?

Voglio ancora tristezze.

Cantami la canzone più

triste, amica:

una canzone antica,

non importa,

una di quelle canzoni

che da tanto

non fanno più schiuder balconi;

io voglio piangere

questa sera un pianto

che mi tremi negli occhi solamente.

 

E tu perchè non suoni

nemmeno ora?

e fai morire di voglia

quel tuo piccolo pianoforte?

sei triste anche tu

fino alla morte?

Da quanto

é diserta la soglia

delle tue porte?

La sera è fresca: è primavera

e non ce ne eravamo accorti.

Non è il mese dei morti

dunque è il mese delle rose

questo: non vedi le tende

come si gonfiano voluttuose!

 

C’è vento e stride

una banderuola

e sembra che tarli il silenzio

ferocemente. Dio! quel fanale

come trema, come si dispera

come la nostra via

muore di malinconia

questa sera:

e il fanale é il suo cero

funebre.

 

Canta, dolcezza, c’è la morte

nell’aria e mi sento morire.

Suona, non far più languire

quel tuo piccolo pianoforte.

Spleen: sta in IV, 305 – 10 Giugno 1905. Pag. 305-306 ed. in volume (op. cit.). La poesia è firmata Marcello Rêvera. Si riporta qui la versione intera date le molte differenze rispetto all’edizione ufficiale apparsa nella raccolta Le aureole, seguendo anche quanto fatto dallo Jacomuzzi (Sergio Corazzini, Poesie edite e inedite, a. c. di Stefano Jacomuzzi, Einaudi, Torino 1968, pp. 261). Vs 1 corregge conterai con canterai. Vs 14 corregge l’accento su perchè. Vs 21 e 37 corregge l’accento su é. Leggi è.