Cambianno cammeriera (S. Culasso)

Conosco solo le date di nascita e di morte: 1881-1915 (Possenti, op. cit. vol. I p. 97).

I.

 

Dunque, stamme a sentì che in un momento

Te faccio la consegna der servizio:

Prima de tutto qui ce vô giudizio

E ’na presetta puro de talento.

 

Ce sta ’r padrone, un vecchio un po’ scontento,                        5

Ch’à perso er pelo… ma cià ancora er vizio

De fa li giôchi… e vô stà in esercizio…

Cusì tu chiude ’n occhio… e lui è contento.

 

Pe’ gnente, già se sa, nun se fà gnente

E tu nun dubbità che ’sto padrone                                                10

Pe’ ’sti servizi è assai riconoscente.

 

E co’ tutto che lui ce faccia er tosto

A dillo in confidenza, ’sto babbione,

E’ tutto quanto fume e gnente aròsto!

 

II.

 

In quanto ar signorino, ch’è ufficiale

E mò tra giorni passerà tenente,

E’ bono, nun s’impiccia mai de gnente

E come lui nun ce n’è ’n antro eguale.

 

Certo mica è stàtuva de sale…                                                5

E si me vede sola certamente

M’ammolla quarche bacio… io, veramente,

Lo lasso fà, tanto che c‘è de male.

 

 

Da quanno che l’amante sta a Milano

Lui smagna, fa pijà ’r dolor de panza,                                    10

Tiè sempre er campanello fra le mano.

 

Sòna… poi manco lui lo sa ’r perchè:

Er giorno chiama sempre l’ordinanza

Mentre la notte sòna sempre a me!

 

III.

 

Ah, nun parlamo poi de la signora,

Chè quella è propio bòna, bòna assai,

Lei nun se sente, nun se vede mai,

Viva la faccia sua, perdinanora.

 

Tra giorni pare che se ne va fòra,                                                5

Va da l’amico suo chè, capirai,

Adesso a Roma vive tra li guai

Sola, senza de lui e ce s’accòra.

 

Ma stanno sempre in gran corisponnenza…

E de le lettre io so’ incaricata,                                                10

Sarò porta-pollastri… mbè, pazienza.

 

Questo è ’n servizio fòr de l’ordinario

Cusì quanno me paga la mesata

Je metto in conto lo strasordinario!

 

IV.

 

Mò lei s’è messa drento un Comitato

D’òmmeni a scopo de beneficenza:

E tutto er giorno lei ce l’à occupato

A lègge e scrive la corisponnenza.

 

E, capirai, ne viè de conseguenza                                                5

(P’er gran lavoro che mò cià addietrato)

Ch’à messo un giorno fisso destinato

A riceve chè nun pô fanne senza.

 

E dalle tre sino all’avemmaria

Der martedi, si lei nun è indisposta,                                                10

Riceve solo l’aristocrazia.

 

Mentre der Comitato suo d’onore

(M’à dato ’sta consegna propio apposta)

Li membri l’ariceve a tutte l’ore!

 

V

Drento ’sta casa ognuno cià un partito,

Ognuno qui sprofessa un ideale:

Presempio la signora è libberale

E vô la libbertà… sinnò è fenito.

 

Cusì nun va d’accordo cor marito,                                                5

Er quale invece è tutto crelicale,

Nun pò sentì parlà der Quirinale

E guai a ricordajelo ’sto sito.

 

Er signorino, invece, è rëalista,

Er côco – dice lui – è ‘ntransiggente,                                    10

Mente ch’er cammeriere è socialista.

 

Cusì pe’ fa contenti ’sti signori,

Ch’ognuno cià ’na tinta diferente,

Io n’ho fatte de tutti li colori!

 

VI

La paga è poca: trenta lire ar mese,

Ma si una se sa bene ariggiràsse

C’è sempre la magnera d’aranciasse

Facenno un po’ de gresta su le spese.

 

Eppoi bisogna sempre fà l’ingrese                                                5

E sapè puro bene aripassasse

Padroni, padroncini e pe’ spicciasse

Mannàli tutti quanti a quer paese.

 

Bisogna sarvà sempre capra e càvoli,

E dì de o de no come fa giòco,                                                10

Contenta tutti… sempre pe’ li pàvoli.

 

Tu tiètte ’sti consiji bene a mente,

Poi lassa annà li scrupoli e co’ poco

Tu te farai la dòte onestamente!

Cambianno cammeriera: sta in I, 24 – 8-9 Agosto 1902. Sei sonetti, schema: ABBA ABBA CDC EDE. Parte I,vs. 3 indica sia apocope sia monottongamento del dittongo uo (cfr. Parte I, vs. 7, Parte IV, vs. 8). Vs. 7 giôchi probabile refuso per giochi.

Parte II, vs. 5 dialefe tra mica è. Parte III, vs. 10 dialefe tra lettre io. Lettre, forma sincopata derivata dal francese, diffusa già nel Petrarca. Parte IV, vs. 9 avemmaria, preghiera che le donne recitavano la sera. Parte V, vs. 2 ideale quadrisillabo. Vs. 4 fenito anziché finito, anafonesi della protonica frequente nel romanesco e in altri dialetti del centro. Vs. 6 crelicale anziché clericale, metatesi caratteristica del dialetto romanesco. Vs. 8 dialefe tra guai a. vs. 11 il paolo è una antica moneta della Roma papalina, chiamata così dal volto di S. Paolo che recava su uno dei lati. Aveva il valore di cinque baiocchi (Chiappini, op. cit.).

Annunci