Serenata ‘mbriaca (R. Caucci)

Nato nel 1880 e morto nel 1925, musicista, poeta e commediografo dialettale, compose testi e musiche di tre operette allora celebri: Grand Hotel, Mademoiselle Krisantemo, Signorica Stylèe. Nel 1907 pubblicò E gira e fai la rota, una raccolta di stornelli (Veo, Poeti romaneschi, op. cit).

Dico,

ma nun t’affacci,…

nun vedi che fatica

pe’ annà a casa?… Lo sò che tu me cacci,

perchè so’ ’n bon amico,…

Ma nun t’affacci,

dico?…

Bevo

pe’ discordàmme,

ma nun posso!… Devo

annà a casa; e invece co’ ’ste gamme

er passo nu lo levo.

Pe discordamme

bevo.

Fu

come ch’un sogno:

parlamio tu pe’ tu…

L’occhio tuo m’imbriacò!… Me ne vergogno,

ma l’omo casca giù!…

Come ch’un sogno:

fu

Serenata ’mbriaca: sta in I, 65 – 27 Dicembre 1902. Tre strofe di sette versi di varia misura, schema: ABCBCBA CDCDCDC EFEFEFE. Rima identica tra i vs. 1-7, 8-14, 15-21, tutti bisillabi piani, tranne gli ultimi due tronchi. I vs. 2-6, 9-13, 16-20 sono quinari; i vs. 3-5, 10-12, 17-19 sono settenari; i vs. 4, 11, 18 sono endecasillabi. Vs. 21 fu senza punto probabile refuso.

Annunci