Come l’ellera! (M. Bernabei)

’Na bella pianta presto s’appassisce

s’abbandona a se stessa intisichita,

quanno l’ellera addosso je fiorisce

succhiannoje la vita…

 

Que’ la pianta, che prima era ’n’incanto,                        5

presto perde bellezza e ogni colore,

nun s’aregge più dritta e co’ ’no schianto

casca per tera e more!…

***

Uguale a lei sei tu, ch’ài rovinato

tutta la vita mia a poco a poco,                                    10

a poco a poco tu m’ài rovinato

come consuma er foco…

 

Hai saputo avvinghiamme da pe’ tutto,

m’ài messo le radici insino ar core;

tra poco tempo finirò distrutto                                    15

e morirò d’amore!…

Come l’ellera!: sta in I, 33 – 9-10 Settembre 1902. Due coppie di quartine di tre endecasillabi e un settenario a rima ABAb CDCd. Ellera significa edera.

Annunci