Er panorama der Giannicolo (Parla un vetturino a un forestiere) – E. Giovannini

Guardi musiù s’affacci ar murajone,

Si vò vedè ’na cosa origginale,

Guardi che qui è la mejo posizzione

Pe’ gode la veduta generale.

 

Appunti, appunti bene er cannocchiale;                                    5

Quello è Castello… quello e’ ’r Cuppolone,

Quer palazzone grosso è ’r Quirinale

Er Tevere? – Laggiù que’ lo striscione…

 

… Che ne dice Musiù? – C’est très-joli!

Adesso già che a lei je piace tanto             10

Guardi da questa parte, guardi qui:

 

Questa è Reginaceli e lì, stii attento,

Lo vede è ‘r Manicomio? E quasi accanto

Tra questi due se trova er Parlamento…

Er panorama der Giannicolo: sta in I, 53 – 16 Novembre 1902. Sonetto, schema: ABAB ABAB CDC EDE. Vs. 1 musiù storpiatura dialettale del fran. monsieur. Vs. 9 Musiù con la maiuscola probabile refuso; très-jolie il trattino è forse fraintendimento del poeta.

Annunci

Scienza positiva Tra marito ed un medico – A. Giaquinto

Ah sor dottor mio, me dia un consijo:

Io presi moje se’ o sett’anni fa,

Però siccome nun ciò avuto un fijo

Mi moje me sta sempre a tormentà.

 

In quanto a me, se sa, nun me ne pijo,                         5

Ma lei nun fa che piagne e sospirà,

J’ha presa ’sta smaniella, ’sto puntijo,

E nun c’è caso che la vo’ piantà!

 

Stà sempre inviperita nott’e giorno,

E dice sempre, pe’ canzonatura:                                    10

Tu sei un marito che nun vali un corno.

 

Dunque, j’ordini quarche medicina…

Je facci fa li bagni… o quarche cura

Sinnò vado a fenì a la palazzina!

 

Senta che deve fa caro signore:

La faccia mette a letto immantinente,

Doppo je dia da beve un thè bullente

E j’incominci a favellà d’amore.

 

Je dica ch’é ben fatta, seducente,                                    5

Ch’è la mejio de tutte le signore…

E ’nder mentre che ruzza e che discore

L’accarezzi e la baci de frequente

 

Ogni tanto je dia quarch’eccitante,

Presempio un cognacchino, ’na sciartrosa,                        10

Oppure una bottija de spumante.

 

E appena stà eccitata e in allegria

Lei sa che deve fà? – Dica, che cosa?…

… Me telefoni a me giù in farmacia.

Scienza positiva: sta in I, 28 – 22-23 Agosto 1902. Coppia di sonetti, schema: ABAB ABAB CDC EDE e ABBA BAAB CDC DED. Parte I, vs. 1 dia bisillabo. Vs. 13 fa forse refuso per fa (Parte II, vs. 1 e 13). Parte II, vs. 5 é probabile refuso per è. Vs. 8 non c’è punteggiatura. Vs. 10 sciartrosa, liquore fabbricato dai certosini francesi.

La posta elettrica (T. Della Bitta)

Ho letto giorni fa sur Messaggero,

Che un piamontese, un ingegnere dotto

Vò fa’ ’na posta sopra ar fir de fero

Che cammini per aria tutt’a un botto.

 

E’ un ritrovato che te dà pensiero;                                    5

Un guasto ar meccanismo, un filo rotto,

E allora casca bene pe’ davero

Quer disgraziato che se trova sotto!

 

Intanto mò s’ha da stà poco in gamme

Pe’ nun pijacce quarche intruppatura                                    10

De legni, d’automòbbile e de tramme!

 

Cusì ciamancherebbe puro questa,

 

Da camminà ’gni sempre co’ paura

Che t’arivi la posta… ’nde la testa!

La posta elettrica: sta in I, 47 – 26 Ottobre 1902. Sonetto, schema: ABAB ABAB CDC EDE. Vs. 13 paura trisillabo.

 

Lo sport de la marchesa (T. Della Bitta)

1879 – ? Negoziante, collaborò anche al «Messaggero» (Veo, Poeti romaneschi, op. cit.).

La marchesa Bucioni cià la smagna

De fà tutti li SPORTI: er FOTTEBBALLO,

Er LAVESTENNE… e per annà a cavallo,

Nun se trova davero la compagna!

 

Adesso poi pe’ via de ’sto gran callo,                        5

Sta cor marchese a villeggià in montagna,

Le strade ce so’ brutte; e lei se lagna,

Che lì er cavallo è inutile a portallo.

 

Cusì, dice ar marito: Amico caro,

Pe’ ste stradaccie quì, a salita e scenta,                        10

Vojo provà lo SPORTE der somaro!

 

Er marito bisogna c’acconsenta,

Perchè mo a quella lì, lo vede chiaro,

Solo er somaro la po’ fà contenta!

Lo sport de la marchesa: sta in I, 23 – 5-6 Agosto 1902. Sonetto, schema: ABBA BAAB CDC DED. Vs. 10 ste invece di ’ste, forse refuso, così come al vs. 13 mo senza accento.

Lettera uperta a un creditore (A. Casali)

Si voi v’azzarderete ’n’antra vorta,

a venimme a scoccià senza raggione,

ve dò ’na tortorata sur groppone

e ve metto de fora de la porta!

 

Guardate ’n po’ mannaggia san mucchione                        5

si che s’ha da vedè! – Pe’ falla corta,

ve torna mejo assai sor cianca storta

a pià quarche dun’antra direzione!

 

Potete comincià puro a scordavve

de li quatrini, intanto ’un ve do gnente,                        10

manc’un sordo, ve possin’ammazzavve!

 

Nun ce venite a fà la gatta morta!

Ma nun ve vergognate de la gente?

Ve possin’ammazzavve ’n’antra vorta!…

Lettra uperta a un creditore: sta in I, 6 – 6-7 Giugno 1902. Sonetto, schema: ABBA BAAB CDC EDE. Vs. 5 san mucchione il Chiappini (op. cit.) spiega semplicemente: “Santo immaginario (a cui si può imprecare senza peccato).” Vs. 7 il vocativo sor cianca storta non è inserito tra virgole. Vs. 8 quarche dun’antra anziché la forma sintetica maggiormente diffusa. Direzione anziché col raddoppiamento come raggione al vs. 2. Vs. 10 do anziché do probabile refuso.

Conforto (A. Bonacci)

Stava pe’ partorì, strillava tanto

E se spremeva stesa drento a’ letto;

Sant’Anna, aiuto! – urlava – Cristo santo,

Nu’ lo farò mai più… ve lo prometto!…

 

Er marito, quer boccio de Peppetto,                                    5

Je s’era messo a sede accanto, accanto,

e quanno lei faceva ’no strilletto

Lui, brutto babbaleo, sbottava un pianto.

 

Lei, stufa de sentì ’sta zinfonia

Je fece: – Perchè piagni? e lui de botto:                        10

Piagno perchè la corpa è tutta mia

 

Si mò stai drent’un letto sofferente!…

E lei: – Ma statte zitto co’ ’sto fiotto,

Quanto sei scemo… tu nun c’entri gnente…

Conforto…: sta in I, 53 – 16 Novembre 1902. Sonetto, schema: ABAB BABA CDC EDE. Vs. 6 tra i due accanto forse la virgola è un refuso. Vs. 8 babbaleo secondo Gennaro Vaccaro, Vocabolario Romanesco Trilussiano e Italiano-Romanesco (etimologico-lessicale-grammaticale-fraseologico-dei proverbi e modi proverbiali-dei sinonimi e degli opposti), Romana libri alfabeto, Roma 1971, pp. 402: “Sciocco. Stupido. Imbecille.” Risulta dalla fusione di babbeo e mammaleo. Lo si ritrova in La scappatella del leone (nella raccolta La gente) e in La Verginella con la coda nera (in Acqua e Vino) di Trilussa. Vs. 13 fiotto secondo Vaccaro (Vocabolario Belliano, op. cit.): “Piagnucolio”. Viene dal lat. fluctus, -us.

Da que’ la vorta (A. Casali)

Il Possenti (op. cit. vol. I, pag. 289) ci riporta la seguente notizia: “1879 – ? Tipografo. Autore premiato di canzoni per San Giovanni. Collaboratore, nel primo ventennio del 1900, nei periodici «Marforio», «Frugantina» e «Rugantino», nonché nei quotidiani «Il Messaggero» e «Il Giornale d’Italia».”

Te n’aricordi? – Stamio immezzo a ’n prato

a sede sopra a l’erba tenerella.

Tu me tienevi stretto, abbraccicato,

io te baciavo su la bocca bella!

 

Ma intanto che godemio er paradiso                                    5

e come regazzini se rideva,

propiamente ner mejo, all’improviso,

vedessimo ’na vacca che cureva.

 

Vedenno che vieniva lì da noi,

te mettessi a strilla: «Madonna mia!                                    10

Come famo? Aiutatece un po’ voi!»

E ce toccò de botto a scappà via.

…………………………………..

…………………………………..

Da que la vorta, nu lo sò perchè,                                     15

quanno vedo ’na vacca penso a te!…

Da que’ la vorta: sta in I, 5 – 3-4 Giugno 1902. Quattro quartine di endecasillabi (in realtà la quarta è incompleta; si potrebbe ipotizzare la chiusura con una coppia di endecasillabi, escludendo l’assenza di altri due versi, per cui il computo ne conterebbe 14 anziché 16), schema: ABAB… Vs. 1 immezzo è la forma alternativa e più frequente di i’ mezzo che si trova in altri luoghi.Vs. 10 strilla probabile refuso per strillà. Vs. 15 probabile refuso per so. Que la è scritto diversamente rispetto al titolo, probabile refuso.