Cinematografo a projezione animate! IV (Er Duchino)

Pseudonimo di Luigi Benvenuti (1872-1919), fu impiegato e anche attore. Collaborò anche a «Rugantino», «Ghetanaccio de Borgo», «Il Messaggero». Nel 1902 pubblicò un poemetto in sestine intitolato Pe’ Trestevere (Possenti, op. cit. vol. I p. 78).

Te pare da vedè villa Corsini!…

È matina abbonora; da un viale,

tre signorine assieme a du’ paini…

sbucheno fora… imboccheno er piazzale,

 

e… sotto l’ombra poi de certi pini…                                    5

fanno tappa!… Lì, scarteno un giornale

co’ drento: ciambellone e bruscolini…

spartischeno er filone… in parte uguale…

 

poi, senza cerimogne e nè reprìca

je danno sotto a chi se fà più onore,                                    10

de nun lassacce manco ‘na mollica!…

 

’Nder mentr poi ch’er diggiunè stà ar frutto…

’na signorina, smiccia er genitore

e, come un lampo, sciiiiiiii sparisce tutto!

(Continua)

Cinematografo a projezione animate!: sta in I, 37 – 23-24 Settembre 1902. Sonetto, schema: ABAB ABAB CDC EDE. Il sonetto è numerato, ma in realtà non ho trovato né precedenti né prosecuzioni di questa rubrica. Vs. 2 viale trisillabo. Vs. 3 paini trisillabo, paìno è il giovinotto borghese che veste alla moda, elegante e cortese; in senso ironico significa anche “bellimbusto”. Vs. 9 e forse è refuso. Vs. 11 de probabile refuso per da. Vs. 12 mentr refuso per mentre. Purtroppo non sono riuscito ad identificare il film di cui sta parlando l’autore.

Annunci

Le vittime dell’alcoolismo (P. Belloni)

Impressioni vedute al cinematografo – 3

Qui ritrovamo drento ’na soffitta

L’ombre vivente de crature umane:

La neve entra cor vento fitta fitta,

Nun cianno manco più ’n tozzo de pane!…

 

Entra la bestia e nun s’aregge dritta…                                    5

La moje, che vorebbe protestane,

Invece, poveraccia, à da sta zitta

E s’ha da rinnicchià peggio de ’n cane…

 

La bestia, in un momento de pazzia,

Sfascia le sedie, sgara li vestiti,                                                10

E intanto piagne tutta la famìa.

 

Poi, mentre stanno tutti stramortiti,

La Croce bianca se lo porta via

A morì tra furiosi e scimuniti…

Parte III, vs. 2 cratura per crasi di criatura. Vs. 5 bestia in neretto è forse refuso o sottolineatura del poeta. Vs. 6 protestane infinito con epitesi. Vs. 7-8 alternanza tra à e ha. Vs. 11 famìa anziché famija per rispettare la rima col vs. 9 e 12. Vs. 14 furiosi in lingua è quadrisillabo, qui è trisillabo.