Er gnocco (A. Casini)

Peppina mia… me sento u’ gnocco quà

che me tormenta più de… chissà chè:

si senti che fastidio che me dà…

mannaggia come sbatte… hai da vedè!…

 

Peppina mia… pe’ fallo un po’ carmà!…

bisognerebbe che ce fussi te…

annamo, dunque, nun te fà pregà,

viè da l’amore tuo… sbrighete viè!…

 

Solleveme ’sto gnocco che ciò quì,

e doppo sentirai si che te fó,

vedrai che rigaletto… ha’ da sentì!

 

Nun fà la smorfiosetta, annamo… sù,

er tutto è a ’ncomincià, che doppo po’,

ce piji gusto, e nu’ la pianti più!!…

Er gnocco!…: sta in I, 9 – 17-18 Giugno 1902. Sonetto di endecasillabi tronchi, schema: ABAB ABAB CDC EDE.

 

Annunci