Pe’ l’amore (B. Ribechi)

1894 -? Attore di varietà conosciuto in Italia e all’estero, collaborò anche a «Rugantino», «Il Messaggero», «Travaso» (il Possenti, op. cit. vol. I, p. 498, non dà notizia della sua collaborazione al «Marforio»). Nel 1905 fondò Er Circolo, periodico dialettale, e nel 1924 pubblicò la raccolta Paraponzi ponzi po’ presso gli Stab. Tip. Trajano (Veo, Poeti romaneschi, op. cit.).

  • Mamma, ciò un gran dolore drent’ar petto

Che me fa soffrì tanto. Che tormento!

’Sta tosse maledetta ’gni momento

Me fa diventà rosso er fazzoletto.

 

  • Zitto fijetto mio, zitto Giggetto,             5

Nun t’addolorà tanto, stà contento

Che presto finirà ’sto patimento.

Si, la Madonna bella me l’à detto.

 

  • Mamma, dite, che penserà, Lucia?

Se ne ricorderà mai più de me                                    10

Che moro lento lento d’etisia?

 

  • Chi, quell’infame boja? – Mamma mia

nun me la maledite, no, perchè

m’aggravereste troppo l’angonia!

 

II.

Mamma, io moro! fatelo pe’ Iddio

Dite a Lucia che in punto de la morte,

Benchè lei m’ha spezzato er core mio

puro l’ho benedetta mille vorte.

 

Diteje che ’na vorta puro io                                                5

Ero lo stesso a lei giovine e forte,

Ma er tradimento suo, a me poro fio,

M’ha ridotto ar crapiccio de la sorte.

 

Diteje inortre che de tanto in tanto

Se ricordi der povero Giggetto                                    10

Ie vada a accenne er lume ar Camposanto

 

E si se ne pentisse… Oh mamma, oh Dio

Nun posso… respirà… me schioppa er petto

Io moro… mamma bella… un bacio… addio!

 

III.

Comincia a fasse notte. Da lontano

Er sole manna l’urtimo chiarore

Come pe’ dà un saluto ar monno sano

Prima che pe’ quer giorno se ne more.

 

Su’ ’na finestra de ’n urtimo piano                                    5

’Na donna fissa er sole e ce discore,

Facennoje li segni co’ le mano

Come si lei ce stasse a fà l’amore.

 

Poi senza fà parola, tutt’un botto

Scavarca co’ svertezza er parapetto                                    10

De la finestra, e se butta de sotto.

 

Va a sbatte sur serciato e in fin de vita

Cià ancora forza a mormorà: Giggetto;

Puro pe’ mamma tua oggi è finita!

Pe’ l’amore: sta in II, 152 – 28 Ottobre 1903. Tre sonetti, schema: ABBA ABBA CDC CDC, ABAB ABAB CDC EFE e ABAB ABAB CDC EDE. Parte I, vs. 8 si anziché sì, forse refuso. Parte II, vs. 1 dialefe tra Mamma, io. Vs. 8 crapiccio metatesi di capriccio.

 

Annunci

Pubblicato da

Valerio Cruciani

Valerio Cruciani, escritor, guionista, poeta, profesor. Italiano de nacimiento, español de adopción.

Scrivi un commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...