L’operaio che brinda allo Zar (Er Gattello)

Pseudonimo di Alfredo Cerroni (1869-1940), tipografo, collaborò a «Er Tresteverino», «Meo Patacca», «Er Marchese der Grillo», alcuni diretti da lui stesso; scrisse un romanzo intitolato La figlia del papa nero (pubblicato a puntate sul «Marforio») e gli venne rappresentata una commedia intitolata Roma misteriosa al Teatro Manzoni nel 1912. Pubblicò due volumi: La cedibbilità der quinto – Lunario pe’ li strozzini (1899) e Satira e sentimento (1924), con prefazione di Ettore Veo (Possenti, op. cit. vol. II, p. 637).

Seconno quer che dice tanta gente

e che se legge puro sur giornale,

lo Zare, in Russia, ’n de la capitale,

ha ricevuto er popolo pezzente.

 

E lì ’na commissione, francamente,                                    5

j’ha esposte le lagnanze generale,

e poi c’è stato puro un manuvale

che ha brindato a lo Zar bono e sapiente.

 

Quer c’àbbia detto nun se sa de certo,

ma se po’ immagginà, corpo d’un cane,                        10

che j’ha cantato un ritornollo scerto

 

che diceva accusì: Fior de limone,

viva lo Zare che pe’ fà der bene,

ha scurito la fama de Nerone!

L’operaio che brinda allo Zar: sta in IV, 285 – Sabato 4 Febbraio 1905. Sonetto, schema: ABBA ABBA CDC EDE. Vs. 11 ritornollo probabile refuso per ritornello.

Pubblicato da

Valerio Cruciani

Valerio Cruciani, escritor, guionista, poeta, profesor. Italiano de nacimiento, español de adopción.

Scrivi un commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...