Er gnocco (A. Casini)

Peppina mia… me sento u’ gnocco quà

che me tormenta più de… chissà chè:

si senti che fastidio che me dà…

mannaggia come sbatte… hai da vedè!…

 

Peppina mia… pe’ fallo un po’ carmà!…

bisognerebbe che ce fussi te…

annamo, dunque, nun te fà pregà,

viè da l’amore tuo… sbrighete viè!…

 

Solleveme ’sto gnocco che ciò quì,

e doppo sentirai si che te fó,

vedrai che rigaletto… ha’ da sentì!

 

Nun fà la smorfiosetta, annamo… sù,

er tutto è a ’ncomincià, che doppo po’,

ce piji gusto, e nu’ la pianti più!!…

Er gnocco!…: sta in I, 9 – 17-18 Giugno 1902. Sonetto di endecasillabi tronchi, schema: ABAB ABAB CDC EDE.

 

Pubblicato da

Valerio Cruciani

Valerio Cruciani, escritor, guionista, poeta, profesor. Italiano de nacimiento, español de adopción.

Scrivi un commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...