Quante volte (G. Altomonte)

Quante volte t’ho parlato

del linguaggio dell’amore,

quante volte m’hai serrato

folle al core.

 

Quante volte t’ho baciata                        5

sulla bocca profumata,

quanti baci lunghi e casti

mi donasti!

 

Ma… nel sogno solamente

ti baciavo, m’abbracciavi,                        10

poi… tu avanti mi passavi

freddamente.

Quante volte…: III, 182 – 10 Febbraio 1904. Tre quartine di tre versi ottonari e un quadrisillabo rimati secondo lo schema ABAb CCDd EFFe.

Pubblicato da

Valerio Cruciani

Valerio Cruciani, escritor, guionista, poeta, profesor. Italiano de nacimiento, español de adopción.

Scrivi un commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...